martedì 19 ottobre 2010

Abra_CAD_abrA




"Era la nostra routine quotidiana: salvare le apparenze in un sottofondo di stridente antagonismo." I.W.

Odio essere una bambolina.

Mi spazzoli i capelli please?

Non farmi indossare quell’abito, te ne prego.

Ho bisogno d’aria più che di altro.

Il molto e il troppo e l’immobilità.

Carica, gira la manovella, iO danzerò per te, i piedi sono inchiodati a questo carrilon e mi specchio continuamente ad ogni giravolata…in divenire.

Accarezzami le punte delle dita,

giungo qui da anni e anni di disastri ecologici,

il petrolio ha sporcato il rosa del mio tu_tù.

Mi fa male tu_tto e non mi tocca niente.

Sapore.

Che sapore ha un essere umano medio?

Indescrivibile è l’attimo.

Non odono le mie retine, parlami con le mani, per favore.

Oppure ti prego…ti scongiuro, mi metto in ginocchio e te lo chiedo in lacrime…ignorami.

Ignorami completamente, perché ci sono cascate che sfidano le forze fisiche e l’acqua defluisce alla fonte, non si lancia nel mare.

Immissari ed estuari….

Quanti termini per poterti fare impazzire….

Consapevole dell’incosistente inconsapevolezza.

Ho una dipendenza malata.

Mi metto sul tavolo e con una tessera spezzetto in polvere le lettere ABCDEFGHKLS)éXJSOXPX fini fini….allineo una riga lunga chilometri e aspiro.

Le sento salire a velocità indiscrivibili, scorrere sulla tua barba pungente oh Benjamin Franklin…avresti mai saputo inventare quest’oblio?

Triste e appassita.

Amo essere una bambolina.

Con pizzi e merletti, sguardo ceramica da sopra la mensola…..

ti fisso.

Mi spazzoli i capelli please?

Se poi con il tuo pettine ce la fai…sciogli questi nodi caparbi, quelli che mi bloccano lo stomaco e la gola.

Usa i fasci nervosi che trovi lassù e tessi per me un vestito tuttopizzi e vaporoso, un po’di rosso e un po’di grigio…iO canterò per te.

Ti canterò le gesta di eroine senza eroi,

di spadaccini trafitti da aghi e di maghi.

Quelli che dal cilindro estraggono bianconigli,

“No…non sono maghi quelli” mi fai notare

…sono presti_giA_tori.

In un angolo attendo l’ABRACADABRA della fata,

che mi liberi dal drago,

che mi trasformi in d_iO.



34 commenti:

  1. che bel giro di parole, fa che non si stanchi mai quella manovella d_io! :)

    RispondiElimina
  2. è vero, un giro da carillon :)

    è stupenda la prima foto...fatta tu?

    RispondiElimina
  3. prima di appassire voglio anch'io impazzire

    RispondiElimina
  4. Provare odio e amore contemporaneamente e' una fitta che brucia dentro...

    Abracadabra, e finalmente si respira aria, abracadabra, e il molto ed il troppo diventano il poco ed il nulla, abracadabra, e l'immobilita' si spezza, abracadabra, e i disastri ecologici hanno fine, abracadabra, e le dipendenze malate guariscono, abracadabra, e lo stomaco e la gola si liberano dai nodi che li bloccano, abracadabra, e le maledizioni hanno fine, abracadabra, e finalmente un giorno comprendero' i vostri post...

    Non so se la citazione iniziale vi rappresenti, ma proprio non vi ci vedo, tu e Alice, a salvare le apparenze!

    Io mi sento spesso bambolina.
    Una bambolina Barracuda con certificato di autenticita'.

    Un grandissimo abbraccio alle mie due principesse ribelli!
    Dony

    RispondiElimina
  5. Vedere i suoni, udire gli odori...

    Bello, mi piace!!!

    Un saluto al condominio, creativo con le parole più che mai..."Dai sensi al senso"!!

    RispondiElimina
  6. *-* Che parole magiche! *-* Voglio il bis! *-*

    RispondiElimina
  7. i tuoi non sono semplici post..sono come immagini e sensazioni prese dalla mente e teletrasportate su schermo <3

    cmq...io sto bene..
    voi care...come state?? ^^

    RispondiElimina
  8. meraviglioso *O*
    no sul serio.
    è come leggere un libro di quelli belli. quelli che fanno ridere e inquietano e fanno riflettere, tutto insieme. parole inquinate, contaminate una dall'altra, e il risultato è per antitesi una pulizia straordinaria.
    più che meraviglioso davvero non so dirti!
    un bacione cara :)

    RispondiElimina
  9. Era bellissimo, la citazione l'ho vista un sacco di volte in giro per siti e non e me l'ero segnata e ho pensato che questa era l'occasione giusta per postarla.. mi è sempre piaciuta tantissimo. un bacio ciaoo

    RispondiElimina
  10. era tanto che non leggevo una favola, ho frugato in questo cassetto e ne ho trovato una. Grazie per l'emozione

    RispondiElimina
  11. tra le due versioni, contrastanti, perchè mi ci trovo in entrambe?
    mah.
    oggi assenza. su tutta la linea.

    RispondiElimina
  12. Grazie a voi per la sensibilita' con cui commentate sempre qualunque cosa io scriva, che si tratti di vicende personali piuttosto che di temi d'attualita'.
    Anche nel mio caso la prevenzione e' stata fondamentale...
    Qualche anno fa', grazie all'autopalpazione, ho scoperto un piccolo nodulo al seno, che poi fortunatamente si e' rivelato una cisti innocua, ma se anche fosse stato qualcosa di peggio sarebbe stato possibile intervenire tempestivamente e in maniera non drastica...
    Ero pronta a combattere l'eventuale ospite indesiderato per scacciarlo il prima possibile.
    E invece l'altro male che mi affligge da anni non riesco ad allontanarlo, anzi, faccio di tutto per restargli aggrappata...
    Anche in questo senso sono contraddittoria...
    Un grandissimo abbraccio alle mie due scienziate preferite!!!
    Dony

    RispondiElimina
  13. Grazie mille, ragazze. Più che ironica direi demenziale ehheehhe
    Riguardo alle idee non lo so. Scrivo di getto:)

    RispondiElimina
  14. A questo post posso commentare soltanto con una cosa che ho scritto qualche mese fa sul mio diario... Sperando che per te e Alice abbia un qualche senso...

    "(...) È il mio corpo che non so portare. Continuo a guardarmi in quel riflesso, e continuo a pensare. Non è neanche tanto il fatto che le cose vadano male. Non vanno affatto, ecco quello che è. Non riesco a concretizzare, a dare un senso. E allora tutto se ne va allegramente a puttane. Un complimento, una gentilezza o una sigaretta che fanno sentire forte allo stesso modo. C’è evidentemente qualcosa che stride, qualcosa che stona. Io strido. Io sono stonata. Ho qualcosa che non va. Un giorno con i jeans a sigaretta, le Converse, e la felpa col cappuccio. Un giorno con le calze traforate, la gonna a fiorami, la camicetta bianca e le ballerine. E a chiedermi quale sono veramente io. Ma presumibilmente, nessuna delle due. Cosa vogliono gli altri, i ragazzi da me, in genere, sono capace di afferrarlo abbastanza al volo. Cosa vorrei io da me stessa, invece, non sono mai stata in grado di comprenderlo. E quindi adesso mi ritrovo ad essere una specie di sottoprodotto mischiato dei desideri – più o meno espliciti – di tutti coloro, di tutti gli amici che mi stanno intorno. Forse stupidamente pensando che se sono come loro mi vogliono, allora non se ne andranno. Non mi abbandoneranno. Qualcuno – almeno uno – mi vedrà e deciderà di stare con me, perché sono proprio come mi voleva lui. Ma è un’idea fallimentare, adesso lo so. Il fatto è che quando fai le cose per gli altri, non vengono mai bene fino in fondo. E gli altri se ne accorgono. Magari non saprebbero indicarla a dito, ma lo sentono che c’è qualcosa che non torna. E prendono le distanze. E quindi finisci per non piacere più agli altri, ma neanche a te stessa. Impasse. Ecco, questa parola calza alla perfezione, fotografa in maniera precisa il mio stato attuale. L’amica di tutti, l’amica che non trattiene nessuno. Non lo so se sono in stand-by o se sono proprio spenta. So per certo che questa non sono io. Che quel riflesso non è il mio, non mi appartiene. No, quella ragazza che mi guarda col mio stesso sguardo, proprio non sono io. Ma quale sono io, pure non lo so.(...)"

    RispondiElimina
  15. Ciao:)
    Non ne sono ancora certa, ma penso di essere tornata sul blog:)

    Tu e Alice mi siete mancate, un abbraccio:)

    V.

    RispondiElimina
  16. Ho amato questo post più di molti libri.
    non so perchè ma mentre leggevo mi è venuta in mente: http://www.youtube.com/watch?v=BIkYfhXG0ho

    RispondiElimina
  17. Carissime... siete come sempre una fonte inesauribile di emozioni liquide che come la pioggia autunnale ti entrano nelle ossa facendo nascere un brivido, ma non di freddo... di vita.

    RispondiElimina
  18. Aiuto.
    Bambola tu che si fa spazzolare i capelli che canta e danza per gli altri che si mette in ginocchio scongiurando qualcuno?

    Omygod
    no.
    Non sei proprio tu..Però a volte ci si sente di ceramica,ci si sente in ruoli che non sono nostri, non ci si sente per niente..
    Ma sono periodi di instabilità, di ricerca, di crescita..Ed è giusto dondolarsi un po' su di un filo, sbagliando e capendo ciò che non ci appartiene, fino a scegliere in un momento più prossimo.

    RispondiElimina
  19. Grazie mille tesoro, davvero!!!:)

    Ti mando un abbraccio forte forte, mi sei mancataaa!!:)

    V.

    RispondiElimina
  20. Sono sparita per un bel po=/
    ora ritorno a leggervi più che volentieri...
    mi siete mancate, mi immergo anche nei vostri post arretrati, oltre a questo molto bello appena letto^^.
    Mi sa che nella pancia del pesce all fine ci sono pure io O.o
    Ali <3

    RispondiElimina
  21. mi piacciono le sensazioni che suscita questo post! c'è tanta forza dietro le tue parole.

    buona domenica ^__________^

    RispondiElimina
  22. non preoccupatevi del ritardo con cui mi rispondete, e io che dovrei dire che sono sparita?!!XD
    Comunque quello che mi manda fuori di testa, riguardo alla moto, è che lui non è una persona prudente... ma proverò a parlargli, come già ci sto provando da giorni... vi farò sapere-.-
    un abbraccio e buon inizio settimana a te e Alice^^
    Ali*

    RispondiElimina
  23. Grazie tesoro... E' davvero quello che vorrei fare:)
    E' che si rivela in ogni momento più difficile... cavolo cavolo cavolo.. Mi sento incastrata in questo schifo...
    V.

    RispondiElimina
  24. Anche il mio primo tentativo di fare il pane e' miseramente fallito...
    Al primo assaggio pareva venuto bene, poi si e'indurito quasi subito, al punto di rischiare che qualche dente facesse una brutta fine...
    Ho dovuto buttare via tutto...
    Che spreco...
    Poi ho ritentato una seconda volta, ed e' andata meglio...
    Comunque avete perfettamente ragione, nessun alimento e' pericoloso se assunto con moderazione, ne' troppo ne' troppo poco...
    Penso che nelle scuole si dovrebbe introdurre come materia la scienza dell'alimentazione, per un'efficace educazione alimentare che invece manca, e porta spesso a commettere gravi errori...magari passando anche per i DCA.
    Purtroppo non tutti coloro che hanno il preciso compito di aiutare la gente a raggiungere un sano peso forma svolgono correttamente il loro lavoro.
    Certi dietologi secondo me dovrebbero essere radiati dall'albo dei medici, e invece continuano ad esercitare tranquillamente, rovinando un sacco di persone, o quantomeno intascando soldi senza produrre risultati efficaci...
    Non stiamo messi molto bene in questa societa' troppo viziata...
    Grazie per l'intervento pieno di saggezza, come sempre.
    Un grandissimo abbraccio e buon inizio settimana!
    Dony

    RispondiElimina
  25. ma ciauuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu!!!!!!!


    ^________________^

    RispondiElimina
  26. Wow, semplicemente stupenda!

    RispondiElimina
  27. Passo a difendere i miei diritti d'autore.

    " Delizioso anche solo con gli occhi questo TUO pane", sul blog di Chiara.
    Ma quello e' il MIO pane, il secondo famoso tentativo meglio riuscito dopo il primo fallimento completo!!!

    Scusate la precisazione, sono schifosamente possessiva con le mie creazioni...

    Grazie per essere passate da entrmabe le mie casette virtuali!!!
    Un abbraccio e buon pomeriggio!
    Dony

    RispondiElimina
  28. Scrivi molto bene...lo sai?
    Scrivere bene è prendersi cura delle persone che ti leggono...brava!
    Tornerò...

    RispondiElimina
  29. Passo per ringraziarvi dell'abbraccio e ricambiarlo di cuore!!

    Un sorriso a voi.
    Chiara

    RispondiElimina